N. 35

Share Button

IO, B. C., DESIDERO L’ATEISMO.

1

Prima obiezione alla mia tesi sulla resistenza di Dio. Difficoltà per la Chiesa di Roma a sopravvivere nei tempi attuali in molte nazioni del mondo. I presunti miracoli compiuti dal giovane profeta Gesù Cristo non sono altro che delle balle, delle fandonie e delle menzogne inventate ad arte dai 4 evangelisti. Passando di palo in frasca, io, B. C., penso, reputo, giudico, discerno e immagino che una obiezione che si potrebbe fare e rivolgere alla mia tesi “Sulla inesistenza di Dio” è la seguente e riguarda la religiosità come istituzione storica religiosa. L’Illuminismo francese e la rivoluzione francese del 1789 – 1795 crearono i presupposti e le condizioni per abolire ed eliminare la Chiesa come istituzione politica religiosa. Infatti il Governo della rivoluzione francese ordinò per legge l’abolizione delle chiese in Francia e annullò, anche, tutte le manifestazioni e le liturgie religiose che facevano capo alla Chiesa cattolica di Roma. Inoltre il Governo della rivoluzione francese eliminò, anche, il calendario cattolico romano e lo decristianizzò, annullando tutte le processioni ed eliminando, anche, la ricorrenza dei santi di ogni giorno. Anche la rivoluzione comunista e lo Stato sovietico del 1917 – 1921 eliminò, in Russia, la religione cattolica e distrusse tutte le chiese esistenti in Russia. Oggi, in Cina, lo Stato comunista cinese ha ordinato la proibizione di pratiche religiose cristiane. Eppure, di fronte a tutte queste proibizioni e negazioni degli Stati centrali nei confronti della Chiesa cristiana e cattolica di Roma, essa è sempre rinata, anche se, attualmente, deve superare molti problemi e ostacoli in ogni Stato in cui essa è ancora viva e sopravvive, come in Francia, in Russia e in Cina. Insomma, io, B. C., penso, reputo e suppongo che la sopravvivenza e la rinascita delle varie chiese religiose, in ogni Stato e in ogni Nazione del mondo, siano dovuti a quel sentimento, a quel bisogno, a quella vocazione, esigenze spirituali e bisogni universali, irrefrenabili e inevitabili e uguali in tutti gli uomini del mondo. Dunque, io, B. C., penso, immagino e suppongo che tutti gli uomini, sia religiosi che laici, tentano di prolungare la propria vita e di allungare la loro vecchiaia e, magari, di sfuggire alla nece, per la semplice ragione che vivere è bello, vivere è piacevole e gradevole, mentre la morte porta con sé spavento e paura a tutti gli esseri umani. Inoltre, io, B. C., penso, immagino e suppongo che il bisogno, il sentimento e la vocazione, a credere e ad avere fiducia in un Essere superiore ed eterno, capace di salvare gli uomini dalla morte, di aiutarli a superare tutte le malattie che sorgono ogni giorno, a intervenire per eliminare i cambiamenti climatici di oggi e per donare la tranquillità, la felicità e l’immortalità a tutti gli uomini, sia un bisogno naturale, innato e insito nella natura umana, che non costa nulla, che dà un momentaneo sollievo e che genera una profonda ed enorme speranza di poter rivivere per sempre dopo la morte. Io, B. C., penso, suppongo e giudico che l’idea di Dio è, soltanto, una fuga dalla realtà (una escape dalla realtà). Ma, io, B. C., penso, suppongo e reputo che scappare dalla realtà per rifugiarsi nell’idea e nel concetto di Dio, sia un modo vano, inutile, evanescente, aleatorio e utopistico per non affrontare la cruda e feroce realtà, sociale e civile di tutti i giorni.  Inoltre, dopo queste considerazioni e riflessioni personali, io, B. C., penso, reputo, consiglio e giudico che la strada maestra, per restare e vivere bene dentro la società, sociale e civile, sia, in primis, quella di rispettare le leggi del proprio Stato democratico e parlamentare; in secundis, io, B. C., reputo, penso e consiglio, anche, che bisogna rispettare tutti i diritti e i doveri degli altri cittadini; e tertiis, io, B. C., penso, reputo e giudico che bisogna lavorare onestamente, per migliorare il proprio tenore di vita e per godere e contemplare le bellezze della natura e del cielo. Inoltre, io, B. C. penso, reputo e consiglio che non bisogna più credere alle parole, alle favole, alle menzogne, alle bugie, alle fandonie, ai falsi ragionamenti dei pseudo libri sacri perché ormai sono diventati libri anacronistici, obsoleti e contengono soltanto frasi e ragionamenti incomprensibili e fuori dalla logica comune e lontani dalle aspettative degli uomini postcontemporanei. Inoltre, io, B. C., penso, reputo e consiglio, a tutti gli uomini di buona volontà, che non bisogna partecipare più alle processioni religiose locali, come le processioni per il santo patrono delle città o come le processioni religiose che festeggiano i vari santi, come san Giorgio, san Giovanni, ecc. che vengono celebrati nei giorni già stabiliti dal calendario religioso e civile. Infatti, io, B. C., penso, reputo e giudico che la partecipazione a queste funzioni religiose sia una perdita di tempo inutile, e sia diventata, con il passare dei secoli, anche, una pratica religiosa ormai anacronistica e fuori del tempo attuale. Inoltre, a questo riguardo, io, B. C., penso, reputo e giudico che le funzioni e le manifestazioni religiose siano portatrici di una cultura arretrata e regressiva e indicano, anche, una civiltà superstiziosa e retrograda, ormai separate dalla nostra cultura e civiltà postcontemporanee. Inoltre, sempre su questo argomento, io, B. C., sono persuaso e convinto che molte manifestazioni religiose della religione cristiana siano delle messe in scena superflue e inappropriate, come la recita e la celebrazione della messa, che, ancora oggi, viene praticata ed eseguita in tutte le chiese del mondo. Inoltre, io, B. C., penso, reputo e suppongo che altre due celebrazioni e commemorazioni della religione cristiana siano del tutto assurde e inattuali, come la rappresentazione scenica della nascita di Gesù bambino e come la rappresentazione figurativa della resurrezione di Gesù, evangelico e presunto risorto. Infatti, io, B. C., penso, reputo e giudico che queste manifestazioni pseudo sacre e questi culti religiosi sono, ormai, delle manifestazioni religiose superate dal tempo, anacronistiche e prive di ogni fondamento storico e teologico. Infatti, io, B. C., penso, reputo e discerno che sia la festività del Natale e sia la festività della Pasqua di resurressi, non siano altro che due manifestazioni pseudo sacre, pseudo religiose, ma sono, senz’altro, due manifestazioni, due funzioni e due processioni ideologiche, idolatre, bugiarde, ingannevoli e illusorie, perché non rappresentano nessun avvenimento storico e sacro realmente avvenuto, dal momento che il Gesù Cristo, evangelico e presunto risorto, non nacque nell’anno 00 e non morì nemmeno nell’anno 33 d. C. Per quanto riguarda l’aspetto teologico, io, B. C., penso, reputo e giudico che tutti i miracoli e tutti i prodigi compiuti da Gesù Cristo non sono altro che delle balle, delle bugie e delle menzogne inventate e scritte dai 4 Evangelisti e confermate dalle lettere piene di menzogne e di sofismi di san Paolo. Inoltre, io, B. C., penso e immagino, anche, che le funzioni religiose non servono a niente dal punto di vista pratico e psicologico. Inoltre, io, B. C., penso, reputo e giudico che le preghiere e le invocazioni ai santi non conseguono nessun risultato positivo, né sociale, né individuale e né famigliare. Inoltre, io, B. C., penso, reputo e consiglio, a tutti gli uomini di buona volontà, di non credere alla utilità dei sacramenti, così come prevede e prescrive la religione cattolica. Quindi, io, B. C., consiglio di non seguire e di non praticare tutti i sacramenti previsti dalla religione cristiana, che sono: il Battesimo, la Confermazione, l’Eucaristia, la Penitenza, l’Unzione degli infermi, l’Ordine e il Matrimonio, perché partecipare e praticare questi sacramenti religiosi è una perdita di tempo inutile; non servono a niente dal punto di vista pratico e psicologico e non danno nessun risultato positivo, né sociale, né famigliare. Inoltre, io, B. C., penso, reputo e consiglio, a tutti gli uomini di buona volontà, di non pregare davanti a una statua di marmo o di gesso o di legno, perché questo pregare e questo abbandonarsi ad un santo che non esiste è una forma di idolatria selvaggia. Inoltre, io, B. C., penso, reputo e giudico che il pregare e il raccomandarsi a una statua di legno o di marmo sia una perdita di tempo inutile e vana. Infatti, io, B. C., penso, reputo e giudico che il pregare e il raccomandarsi ai santi non servono a niente, né dal punto di vista pratico né psicologico e perché, sia le preghiere e sia il rosario non danno e non conseguono nessun risultato positivo, né sociale, né individuale e né famigliare. Inoltre, io B. C., penso, suggerisco e consiglio ai preti, ai vescovi e a tutti coloro che indossano una tonaca o un abito talare di non recitare più il rosario perché anche questa pratica religiosa è, secondo me, una perdita di tempo, inutile e vana, perché non serve a niente ripetere a pappagallo preghiere che non hanno nessun destinatario che li recepisce e li ascolta; inoltre consiglio, a tutti i monaci e a tutte le suore di abbandonare i propri sai e suggerisco a tutti i preti di abbandonare le tonache maschili e consiglio anche di uscire dai conventi e dai monasteri, dove le monache e i monaci vivono una vita sacrificata, inutile e vana, per un Dio che non esiste. Inoltre, io, B. C., penso, giudico e consiglio a tutti preti, ai monaci e alle monache di uscire dal celibato perché la conseguenza inevitabile del celibato è la pedofilia, un peccato obbrobrioso e disgustoso che si ripete, viene praticato e viene usato un ogni parte del mondo. Inoltre, io, B. C., penso, giudico e consiglio a tutti gli uomini di buona volontà di non cadere e di non farsi irretire da sentimenti e percezioni irreali e suggestive, come la fede, il misticismo e il satanismo ideologico, perché tutte queste forme di fideismo sono tutte condizioni patologiche della mente e dell’anima umana. Inoltre, io, B. C., penso, giudico e consiglio a tutti gli uomini di buona volontà di non credere ai miracoli compiuti da Gesù Cristo per il semplice fatto che Gesù Cristo non ha mai compiuto miracoli, così come i 4 evangelisti hanno scritto, hanno affermato, hanno testimoniato e hanno attestano nei loro 4 Vangeli. Io, B. C., penso, giudico e reputo, inoltre, che i 4 evangelisti, nei loro Vangeli, hanno mentito quando hanno scambiato alcuni giochi di prestigio (o qualcos’altro di ingannevole) compiuti dal loro capo, il giovane profeta Gesù Cristo, e li hanno definiti miracoli, senza rendersi conto che non erano miracoli. Inoltre, io, B. C., penso, reputo e giudico che il numero straordinario di miracoli compiuti da Gesù Cristo, compiuti sia sui malati, sugli storpi e sui morti rivela un potere taumaturgico talmente straordinario che è impossibile crederci, per cui io, B. C., penso, affermo e giudico che tutti i miracoli compiuti da Gesù Cristo sono semplicemente delle balle, delle fandonie e delle menzogne inventate ad arte dai 4 evangelisti per dare un alone di carisma, di misticismo, di mistero, di magia e di farlo apparire come un giovane capo ebreo e profeta di un nuovo messaggio evangelico. A questo proposito, io, B. C., voglio ricordare, soltanto, il bellissimo e divertentissimo film, Il ladrone, del 1980, di Pasquale Festa Campanile, il quale, con questo film, ha cercato di dimostrare e di rappresentare un giovane ladrone che voleva imitare, ma senza riuscire a ripetere e a rifare i trucchi e gli inganni perfetti, compiuti dal giovane ebreo Gesù Cristo. Quindi, io, B. C., dico a tutti di non farsi illusioni sulla vera natura divina di Gesù Cristo e di non credere, nel modo più assoluto, alla sua resurrezione dopo la sua morte, perché nessuno mai è ritornato dalla morte. Insomma, io, B. C., ci tengo, però, a precisare che questi consigli dati, per la maggior parte, ai cristiani e a tutti gli appartenenti alla Chiesa cattolica e cristiana di Roma, sono anche validi per tutti gli altri seguaci, adepti, frati, vescovi, patriarchi e presuli di tutte le religioni del mondo. Inoltre io, B. C., penso, auspico e presagisco che tutti i religiosi, i patriarchi e i chierici del mondo rifiutino ogni credo religioso, rinneghino ogni fede mistica e abiurino ogni testo sacro perché non esistono testi sacri né infusi da Dio perché non c’è nessun Dio che infonda santità e sacralità ai testi religiosi e pseudo sacri e perché non c’è nessun Dio che ci salverà né dalle malattie, né dai cambiamenti climatici e né dalla morte. Infine, io, B. C., mi auguro e spero che tutti gli adepti di ogni religione e di ogni confessione religiosa del mondo abbandonino l’abbigliamento clericale, talare e sacrale che indossano, che lascino i luoghi pseudo sacri dove vivono e pregano. Infine, io, B. C., consiglio a tutti i religiosi del mondo, chierici, monaci e suore di scegliere e praticare una vita laica, atea, materialistica e postcontemporanea.

Modica, 23/12/2023

Prof. Biagio Carrubba

Share Button

Replica

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>