La vita corre verso la morte

Share Button

La vita corre verso la morte

del viver ch’è un correre a la morte.

   Dante Alighieri. Divina Commedia.

                 Purgatorio canto XXXIII. Verso 54

I

Nessuno di noi conosce la propria sorte,

nessuno sa ciò che gli succederà domani,

nessuno sa cosa gli capiterà tra qualche ora.

Nessuno può delineare il corso della sua vita,

nessuno può designare il futuro come vorrebbe,

nessuno può intendere il proprio avvenire,

 nessuno può predire il proprio presente,

nessuno può presumere il proprio fato.

Chiunque potrà incorrere in una grave malattia,

o potrà inciampare in un brutto guaio,

 o potrà essere contagiato dal Covid-19,

o potrà restare disoccupato per l’intera vita,

o potrà morire all’improvviso per un malore.

Insomma l’unica previsione che si può

intuire, concepire o immaginare è quella

di un avvenire confuso, vago e indefinito

che annebbia il presente, l’oggi e il domani.

L’unica cosa certa è la morte,

come dice un detto popolare siciliano:

“sicuru comu a morti”, per cui

ha ragione, secondo me, sant’Agostino

quando nella sua opera filosofica

scrive: “il tempo di questa vita non è

che un correre verso la morte.”

(De Civitate Dei, XIII, 10).

II

Però, in pro del mondo che mal vive.

  Dante Alighieri.  Divina Commedia

                                                                 Purgatorio canto XXXII. Verso 103

Nemmeno Gesù Cristo, Dio stesso in tre persone,

è riuscito a vincere la terribile e tetra morte,

Lui stesso, che si proclamava figlio di Dio,

che ha fatto rinascere Lazzaro dalla tomba,

è morto come tutti gli altri mortali.

Anche Lazzaro e gli altri resuscitati da Gesù

sono morti dopo di Lui, la cui Resurrezione

è tutta da provare, dimostrare e accettare.    

Io, B. Carrubba, reputo e suppongo che

la Resurrezione di Gesù Cristo sia una

invenzione, una creazione e una congettura

di un gruppo di disoccupati ebrei, di cui

uno (san Paolo) inventò, concepì ed elaborò

la favola della Resurrezione di Gesù e

proclamò e scrisse che tutti gli altri cristiani

avrebbero ripreso il loro corpo integro e

sano nel giorno del Giudizio Universale.

Ma i greci, a queste parole, gli risero

in faccia, si alzarono e lo abbandonarono.

Dunque, nonostante la ricerca scientifica di oggi,

che fa passi da gigante e scoperte eccezionali,

in ogni campo di studio delle scienze, e

nonostante, l’arte, la tecnologia, l’amore,

e tutto ciò che dà benessere al corpo e

allo spirito, la maggioranza dell’umanità

vive male e soffre ogni minuto, sia

nel corpo sia nell’anima, com’è successo

già da un anno, e come sta avvenendo,

in queste ore, in questi giorni e in questi mesi,

su tutto il pianeta Terra a causa dell’ampia

diffusione della pandemia del covid-19, e

nonostante le religioni e le teologie,

che sopravvivono in tutto il mondo,

l’umanità mal vive, come afferma Dante;

anche io, B. C., reputo e giudico che

l’esistenza stessa sia piena di dolori e

di malattie gravi tanto che nessuna arte e

nessuna scienza potrà mai debellare e

lenire il dolore universale che sovrasta

il pianeta intero e incombe su tutta l’umanità,

quindi, secondo me, è certo che la maggioranza

dell’umanità mal vive per le precarie

ed instabili condizioni di lavoro e di salute

e solo una piccola minoranza dell’umanità

vive una vita agiata, sicura, serena e salubre.

III

Democrito, che il mondo a caso pone.

  Dante Alighieri. Divina Commedia.

            Inferno canto IV. Verso 136.

Neppure si può supporre che i viventi di oggi

siano soltanto dei corpi che espiano sulla Terra

le pene di anime eterne che giacciono nel mondo

delle idee, come sostenne e scrisse Platone, perché

in questo caso si ricadrebbe in un platonismo,

ormai fuori tempo, fuori luogo ed anacronistico, e

neppure si può supporre che i viventi di oggi

siano delle anime eteree che riprenderanno

i loro corpi solo dopo la loro morte,

nel giorno del giudizio universale,

perché, secondo me, questa illusione e

questa millanteria è stata solo una invenzione

elaborata e una dottrina costruita da un gruppo

di ebrei, analfabeti, sfaccendati e incolti che hanno

elaborato una congettura e una concezione,

religiosa e metafisica astrusa ed astratta,

inverosimile, insondabile e inverificabile.

Per tutte queste considerazioni personali,

io, B. C., suppongo, reputo e affermo che

la vita dell’umanità sul pianeta Terra non è

il frutto di un disegno o progetto divino,

ma è soltanto l’esito di un progressivo

evoluzionismo fortuito, casuale e

imprevedibile che si originò per caso

e per circostanze uniche e favorevoli,

che si sono create sul nostro pianeta,

molti milioni di anni fa. Tra i primi

filosofi greci, Democrito ipotizzò e intuì

“che il mondo a caso pone”, per cui

l’unica soluzione che resta, secondo me,

è quella dell’ateismo o meglio ancora

la proiezione filosofica e scientifica

dell’agnosticismo.

IV

Finale.

 Vassene il tempo e l’uom non se n’avvede.

                Dante Alighieri. Divina Commedia.

                Purgatorio canto IV. Verso 9

Dunque a proposito di scienza e di filosofia,

se c’è una ipotesi e una supposizione scientifica,

che possa rendere erronea e sbagliata

la mia proiezione e il mio intendimento

è quella di immaginare, in un giorno

non lontano da ora, che la ricerca

scientifica e tecnologica prossima

ventura, possa riuscire a vincere la morte

in modo sistematico e duraturo, ricorrendo

magari a delle piccole pillole miracolose,

capaci di sconfiggere definitivamente

la morte. Solo in questo caso l’umanità

potrà vivere una vita lunga, deliziosa e

desiderabile. Ma fino a quel momento

la condizione umana è e resterà malata,

precaria, affannosa, instabile e mortale.

Tutto questo è possibile??? Boh!!! Chissà???

Io, B. Carrubba, non credo che la scienza

possa sconfiggere e debellare la morte,

in un tempo abbastanza vicino, ma

può anche essere che ciò si avveri,

per la gioia e la felicità dell’umanità.

Modica 03 aprile 2021                                   Prof. Biagio Carrubba

Share Button

Replica

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>