Liberi pensieri e tristi riflessioni sul caso di Stefano Cucchi

Stefano Cucchi
Share Button

L’età di Stefano Cucchi aveva diritto alla vita
Biagio Carrubba

Tua vita dignior aetas (La tua età ha diritto alla vita).
Eneide – Libro IX – 212. Virgilio

A Luglio c’è stata l’assoluzione assurda ed incoerente

per il signor pluripregiudicato Silvio Berlusconi per il caso Ruby;

ed io, Biagio Carrubba, penso che non si doveva assolvere

un personaggio numero uno, per corruzione morale e politica,

ipocrita e versipelle della destracrazia italiana.

A Settembre c’è stata l’uccisione immotivata e perniciosa

del giovane innocente napoletano Davide Bifolco

da parte di un carabiniere inesperto e frettoloso;

ed io, Biagio Carrubba, penso che l’arma dovrebbe

proteggere e difendere i giovani e non ucciderli.

Ad Ottobre  c’è stata l’assoluzione imprevedibile e sconcertante

di tutti i colpevoli del giovane sfortunato Stefano Cucchi;

io, Biagio Carrubba, ammiro la costanza, la continuità e

la caparbietà dei suoi genitori ed

apprezzo moltissimo la vigorìa della sorella Ilaria

che da cinque anni mantiene viva l’attenzione ed

il ricordo affettuoso del fratello

e che cerca con determinazione e con solerzia

la verità sulla morte ingiusta ed indecente di Stefano.

Ilaria Cucchi in difesa del Fratello Stefano

Ilaria Cucchi in difesa del Fratello Stefano

I

Infatti le terribili gigantografie fotografiche del fratello

mostrano ferite e solchi incredibili sulle spalle e

due occhi tumefatti che suscitano orrore e ribrezzo

in tutti gli onesti cittadini che li guardano.

Anche Stefano Cucchi avrebbe dovuto essere

curato, accudito e guarito dalla Giustizia Italiana,

invece è stato picchiato e massacrato a morte.

A Novembre ci sono state le manganellate della Polizia a Roma

sulle teste e sulle spalle dei poveri lavoratori di Terni

che manifestavano per la difesa del proprio posto di lavoro.

I manganelli li usavano e ne abusavano

anche le squadracce fasciste al tempo di Mussolini.

Anche questo episodio brutto e sconcertante disegna e

segna l’atroce Stato sociale in cui versa l’Italia disgraziata.

La mia pruderie mi fa, quindi, concludere che tutti questi episodi

sopra elencati rivendicano e gridano Giustizia e Verità.

Per cui posso affermare che in Italia

la legge non è uguale per tutti.

Da questo momento non ho più fiducia

nella Giustizia Italiana.

Polizia a Roma

Polizia a Roma

II

Auspico che la Giustizia Italiana stessa sia pronta e lesta

ad indagare su questi fatti e misfatti sociali.

Infine io, Biagio Carrubba, credo che nella vita quotidiana

ognuno di noi debba affrontare, difendere e conquistarsi

la propria autonomia, la propria libertà e la propria felicità,

ed invece questi signori senza pietà, impregiudicati e spregiudicati

uccidono e massacrano la vita e la libertà degli altri.

Biagio carrubba

Modica, 8 Novembre 2014

Biagio Carrubba

Share Button

Replica

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>